Biscotti e sospetti – Stefania Bertola

biscotti e sospetti

★★★★☆

  • Anno: 2006
  • Editore: TEA
  • Isbn: 9788850211463
  • Pagine: 237

[amazon-element asin=”8850211465″ locale=”it” listprice=”0″ fields=”button”]

Violetta Chiarelli, commessa, e sua sorella Caterina, sarta e minuscola imprenditrice in proprio, non sono forse le inquiline ideali per un appartamento ricavato in una elegante villa in collina. D’altro canto, neanchegli altri inquilini sono del tutto irreprensibili. Rebecca Demagistris è una madre separata alle prese con tre bambine, mirmecologi fedifraghi e pastori metodisti killer; Mattia Novalis è un architetto di interni ricercatissimo per il suo pessimo gusto e il suo fisico prestante; Emanuele Valfrè, romantico e affascinante proprietario delle omonime vetrerie, è arrivato da Calcutta con una moglie fresca fresca che sembra intenzionata a rovinargli la vita…

Simpatico, divertente, fresco. Questo libro è originale e non manca di colpi di scena. I personaggi sono tutti divertentissimi, in primis Caterina, che cuce vestiti per bambole gonfiabili e nel frattempo ha un commercio di oggetti della più disparata natura. E’ lei che investiga su una scomparsa , un piccolo giallo, dall’inaspettato epilogo. Ci si affezione a tutti i personaggi, nessuno escluso, e con loro si segue la rocambolesca ricerca di una persona scomparsa e varie vicissitudini amorose. Quando ho scoperto il perchè del titolo del libro, non ho potuto che sorridere e prenderlo a cuore ancora di più. Lo consiglio per rilassarsi, staccare la spina, ritrovare il sorriso. Nel suo genere merita un eccellente! E’ chiaro che non si tratta di un capolavoro della letteratura ed è altrettanto evidente che è un genere che non piace a tutti, ma per chi desidera una lettura fresca e piacevole, senza altre pretese, è davvero consigliato.

Frasi dal libro

Poche cose hanno un effetto migliore sulla psiche di una donna abbandonata quanto scoprire che l’altra, quella per cui lui se ne è andato, è una perfetta idiota. Consola, e permette di vedere il proprio amatissimo perduto sotto una nuova luce : quella dell’imbecille.

Pagina 69 Apri

Il segnalibro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *