vittorio sgarbi

Vittorio Sgarbi si laurea in filosofia con specializzazione in storia dell’arte all’Università di Bologna e da qui inizia una carriera come esperto d’arte, che lo porta a ricoprire prestigiosi incarichi, tra cui quello di ispettore della sovrintendenza ai beni storici e artistici in Veneto, e ad insegnare per tre anni Storia delle tecniche artistiche all’Università di Udine.
Autore di numerosi saggi e videolezioni sui grandi maestri della pittura, televisivamente nasce come polemista del Maurizio Costanzo Show, dove nel 1989 raggiunge un primato poco lusinghiero, per aver pronunciato la prima parolaccia della storia della televisione italiana. Un marchio che da allora si porta dietro e che contraddistingue le sue ospitate in talk show politici e trasmissioni d’intrattenimento.
La sua parabola politica comincia nel 1990, in quota PSI, come consigliere comunale di San Severino Marche (di cui diviene sindaco due anni dopo) e tocca il vertice con la nomina a Sottosegretario ai Beni Culturali nel governo Berlusconi II (2001-2002). Primo cittadino di Salemi fino al 2012, quando il comune siciliano viene sciolto per infiltrazioni mafiose, si ricandida nel 2014.

Libri recensiti dello stesso autore:

Il punto di vista del cavallo · Caravaggio – Vittorio Sgarbi