Le 110 pillole – Magnus

le 110 pillole

★★★★☆

  • Anno: 1985
  • Genere: Graphic Novel, Erotico
  • Casa editrice: Totem Comics
  • Pagine: 52, in bianco e nero
  • Disegnatore e sceneggiatore: Magnus (Roberto Raviola)
  • Compra su Amazon Guarda su Goodreads Guarda su Anobii
Dal romanzo erotico cinese di Jim Ping Mei, tradotto a fumetti da un Magnus nel pieno della maturità artistica. La letteratura orientale ha rappresentato per lui un’occasione per sperimentare un segno perfetto ed elegante, e le sperimentazioni erotiche di Hsi-Men Ching, alla ricerca dello stato in cui ‘piacere e dolore si confondono’, sono l’occasione per un esercizio di stile che raggiunge risultati altissimi.

Di Magnus si sente fortemente la mancanza. Toccando l’apice con Alan Ford, Magnus è stato un autore piuttosto prolifico, geniale artista senza, al momento, un vero erede, che rimane ad oggi uno degli autori più sfaccettati nel panorama del fumetto italiano ed europeo.
Le 110 pillole si colloca più o meno a metà della sua carriera. Come si evince facilmente dalla copertina, non è un’opera adatta a tutti, in cui la matita di Magnus è stata estremamente generosa, scatenando polemiche e costringendo persino Totem (la rivista che ospitava la prima pubblicazione) a censurare alcune scene.

Le 110 pillole è una piccola graphic novel erotica. Spesso la si può trovare a giacere dimenticata nelle bancarelle dei libri usati, lasciata lì dagli avventori forse scoraggiati dalla copertina troppo osè. Ma se gli stessi avventori avessero solo il coraggio di aprirla, rimarrebbero stupefatti dalla bellezza delle ambientazioni, dalla pulizia nel tratto e dalla cura del disegno, della vignetta -di ogni vignetta- e di ogni pagina nel suo insieme.
Il fumetto narra la storia, tratta dall’antico romanzo erotico cinese “Chin P’ing Mei“, di Hsi-Men Ching, un ricco farmacista Cinese, delle sue sei mogli, e di un miracoloso afrodisiaco donato a Hsi-Men Ching da un anziano monaco con l’avvertenza di farne un uso moderato. Ma purtroppo gli essere umani sono umani, e Hsi-Men Ching finisce presto in un vortice di sesso, mischiato al desiderio di riconquistare le sue mogli, soprattutto la prima, Madama Luna, che lo porteranno ad un rapido logoramento mentale e fisico.

110pillole001600x399In questa opera appare palese tutto l’amore di Magnus per le ambientazioni, per le trovate, per i dettagli disegnati che narrano, a loro volta, amore per la storia da raccontare. Questa è una storia erotica, certo, sfiorante il porno a tratti, ma non è solo la storia degli epocali amplessi di un signorotto orientale e della sua miserevole fine per i vizi della carne; questa è la storia di una persona che gode della bellezza e dei piaceri in tutte le loro forme dalla carne all’arte, dalle forti passioni all’amore. Eros e thanatos.

I puristi hanno sempre considerato la ‘deriva porno’ di Magnus una parentesi minore della sua carriera, dimostrando così una incomprensibile ottusità e scarso rispetto per l’approccio estremamente colto, l’applicazione feroce e la passione messa dal grande artista bolognese anche e soprattutto nelle sue opere trasgressive. Come nel caso di quest’opera, capace ad un tempo di portare il disegno pornografico a vette artistiche inattese, e di regalare nuova freschezza ad un testo antichissimo senza per questo tradirne lo spirito.

Magnus (Roberto Raviola)

magnus

Nato a Bologna nel 1939, Roberto Raviola, si diploma all’Accademia di Belle Arti nel 1961 in scenografia, continuando per altri due anni con il corso di decorazione. Durante gli anni universitari, oltre ad un’intensa attività di vignettista goliardico e militanza politica di sinistra, si appassiona ai fumetti e incomincia a disegnare alcune brevi storie. Prima di approdare seriamente al mondo del fumetto fa l’insegnante di disegno ed il grafico pubblicitario. In un primo periodo firma le sue opere come “Bob la Volpe”, poi prende definitivamente il nome di “Magnus“, pseudonimo derivante dal motto goliardico “magnus pictor fecit”, ricordo dei tempi dell’Accademia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *