Uno dei miei sogni da lettrice è quello di riuscire a leggere tutto ciò che è scaturito dalla penna di Lovecraft. So che per alcuni versi la figura di Lovecraft sia discutibile, ma è indubbio che il suo contributo alla letteratura horror e fantascientifica, o weird fiction, come egli stesso definì il suo genere, sia stato uno dei pilastri portanti di tutto ciò che venne dopo.

Volendosi limitare a ciò che scaturì esclusivamente dalla mente e dalla penna di Lovecraft, ci si può fermare ai romanzi e ai racconti. Se invece si vuole andare a scavare nel profondo, ho aggiunto alla lista anche altre categorie di racconti, che egli scrisse per altri autori seguendo solo una traccia, che scaturirono da collaborazioni, o che furono semplici revisioni di racconti altrui.

A fianco al titolo ho indicato, quando in mio possesso, la raccolta in cui è possibile reperire il racconto. Per esigenze di spazio ho dovuto inserire solo il titolo del libro, quindi qui trovate la spiegazione dettagliata del libro in questione:

Romanzi

  • La ricerca onirica dello sconosciuto Kadath (1926-27) · Il Necronomicon
  • Il caso di Charles Dexter Ward (1927)
  • Il tumulo (1929, ciclo dell’etnologo)
  • Le montagne della follia (1931)
  • La maschera di Innsmouth o L’ombra su Innsmouth (1931)
  • L’ombra venuta dal tempo (1934)

Racconti

  • La tomba (The Tomb, 1917) · Il Necronomicon
  • Dagon (1917)
  • Un ricordo del Dottor Samuel Johnson (1917)
  • La Stella Polare (1918) · Il Necronomicon
  • La dolce Ermengarda (1919 forse, come Percy Simple)
  • Oltre il muro del sonno (1919) · Il Necronomicon
  • Memoria (1919)
  • Old Bugs (1919)
  • La scomparsa di Juan Romero (1919) · Il Necronomicon
  • La Nave Bianca (1919) · Il Necronomicon
  • La sorte che colpì Sarnath o Il fato che colpì Sarnath o La rovina di Sarnath (1919) · Il Necronomicon
  • La dichiarazione di Randolph Carter (1919) · Il Necronomicon
  • Il Terribile Vecchio (1920) · Il Necronomicon
  • L’albero (1920) · Il Necronomicon
  • I gatti di Ulthar (1920) · Il Necronomicon
  • Il tempio (1920) · Il Necronomicon
  • Le vicende riguardanti lo scomparso Arthur Jermyn e la sua famiglia o La verità sul defunto Arthur Germyn e la sua famiglia  (1920) · Il Necronomicon
  • La Strada (1920) · Il Necronomicon
  • Celephaïs (1920) · Il Necronomicon
  • Dall’ignoto o Dall’altrove (1920) · Il Necronomicon
  • Nyarlathotep (1920)
  • L’illustrazione nella casa o Un’illustrazione e una vecchia casa(1920) · Il Necronomicon
  • Ex Oblivione (1921) · Il Necronomicon
  • La città senza nome (1921) · I racconti del Necronomicon
  • La ricerca di Iranon (1921) · Il Necronomicon
  • La Palude della Luna (1921) · Il Necronomicon
  • L’estraneo (1921) · Il Necronomicon
  • Gli Altri Dei (1921)
  • La musica di Erich Zann (1921) · Il Necronomicon
  • Herbert West, rianimatore (1921-1922) · Il Necronomicon
  • Hypnos (1922) · Il Necronomicon
  • Cosa evoca la luna o Quel che porta la luna
  • Il cane o Il mastino (1922) · I racconti del Necronomicon, Il Necronomicon
  • La paura in agguato (1922) · Il Necronomicon
  • I ratti nei muri o I topi nel muro(1923) · Il Necronomicon
  • L’Innominabile (1923) · Il Necronomicon
  • La ricorrenza o La cerimonia (1923) · I racconti del Necronomicon
  • La casa stregata o La casa evitata o La casa sfuggita(1924) · Il Necronomicon
  • L’orrore a Red Hook (1925) · Il Necronomicon
  • Lui (1925)
  • Nella cripta (1925) · Il Necronomicon
  • Aria fredda (1926) · Il Necronomicon
  • Il richiamo di Cthulhu (1926) · I racconti del Necronomicon
  • Il modello di Pickman (1926)
  • La chiave d’argento (1926) (ciclo di Randolph Carter) · I racconti del Necronomicon, Il Necronomicon
  • La casa misteriosa lassù nella nebbia (1926) · Il Necronomicon
  • Il colore venuto dallo spazio (1927)
  • La razza antichissima (1927)
  • La cosa al chiaro di luna (1927, incluso in una lettera a Donald Wandrei)
  • Ibid (1928)
  • L’orrore di Dunwich (1929)
  • Colui che sussurrava nelle tenebre (1930) · I racconti del Necronomicon
  • I sogni nella casa stregata (1932) · I racconti del Necronomicon
  • La cosa sulla soglia (1933)
  • Il prete malvagio (1933) · Il Necronomicon
  • L’abitatore del buio (1935)

Racconti per conto di altri

In questa categoria rientrano i racconti concepiti e scritti interamente da Lovecraft, spesso commissionatigli da scrittori dilettanti o alle prime armi con solamente uno spunto per il soggetto, o che Lovecraft diede alla luce in seguito a un’ispirazione occasionale (un sogno, una poesia, una conversazione ecc.) e ai quali donò, come atto di cortesia, la firma di un altro scrittore (gli ultimi 3 dell’elenco).

  • L’orrore di Martin’s Beach (1922, con Sonia H. Greene)
  • I cari estinti (1923, per Clifford M. Eddy Jr.)
  • Sordo, muto e cieco o Cieco, sordo e muto (1924, per Clifford M. Eddy Jr.)
  • Sotto le piramidi (1924, per Harry Houdini)
  • La maledizione di Yig (1928 sulla trama di Zealia Brown Bishop) · Il Necronomicon
  • Il tumulo (1929, ghostwriter per Zealia Brown Bishop)
  • L’abbraccio di Medusa (1929, sulla traccia di Zealia Brown Bishop) · Il Necronomicon
  • L’orrore nel museo (1932revisionato per Hazel Heald) · Il Necronomicon
  • La morte alata (1932, per Hazel Heald)
  • Dagli eoni (1933, revisionato per Hazel Heald>
  • L’orrore nel camposanto (1933, per Hazel Heald)
  • L’esumazione (1935, per Duane Rimel)
  • L’oceano di notte (1936, per Robert Hayward Barlow) · Il Necronomicon
  • Il Prato Verde (1918, apparso con il doppio pseudonimo “Elizabeth Berkeley e Lewis Theobald Jr” a nascondere Lovecraft e Winifred V. Jackson)
  • Il Caos Strisciante (1920, stesso pseudonimo del precedente)
  • La poesia e gli dei (1920, con Anna Helen Crofts mentre Lovecraft usò lo pseudonimo “Henry Paget-Lowe”)

Revisioni di trame inviategli

In questa categoria si inseriscono i racconti scritti interamente da Lovecraft, ma sulla base di un testo o di una trama completa elaborata da altri. Lo scrittore di Providence sovente riscrisse del tutto le storie inviatigli per esprimere un giudizio o apportare piccole correzioni, inserendo anche personalità e situazioni derivanti dalla sua fantasia

  • L’ultimo esperimento (1927, revisione di un racconto di Gustav Adolf Danziger)
  • Il boia elettrico (1929, revisione di un racconto di Gustav Adolf Danziger)
  • Attraverso le porte della Chiave d’Argento (1932, revisione di un racconto di Edgar Hoffmann Price (ciclo di Randolph Carter) · Il Necronomicon
  • Il diario di Alonzo Typer (1935, revisione di un racconto di William Lumley)
  • Tra le mura di Eryx (1936, revisione di un racconto di Kenneth Sterling)

Frammenti incompiuti

Dopo la morte di Lovecraft, August Derleth cominciò, a partire dal 1945, a pubblicare alcuni testi accompagnati, oltre che dalla sua, dalla firma di Lovecraft. Tale pratica suscitò negli ex corrispondenti di Lovecraft l’inesatta convinzione che lo scrittore di Providence avesse lasciato, al momento della morte, una gran quantità di testi incompiuti. Derleth, dietro queste pressioni, dovette però rendere noto che i lavori erano in realtà suoi, basandosi solamente su spunti narrativi forniti da Lovecraft nel corso della corrispondenza.

  • Azathoth (Azathoth, 1922)
  • La discesa o Il successore (The Descendant, 1926 forse) · I racconti del Necronomicon
  • Il libro (1934 forse) · I racconti del Necronomicon, Il Necronomicon
  • La torre circolare (The Round Tower, 1934 forse)
  • La magione di Edward Orne (The Edward Orne house) (frasi scritte in un foglio senza titolo)
  • Su stregonerie malvagie avvenute nel New England e su demoni di forma non umana (Of Evill Sorceries done in New-England – Of Daemons in no Human Shape)
  • La Finestra delle Rose (The Rose Window)
  • Il Testo di R’lyeh (The R’lyeh Text)
  • Universi in sfacelo (Collapsing Cosmoses, 1935) – con Robert Barlow.