Uno pseudobiblium (plurale: pseudobiblia) è un libro mai scritto, ma citato come vero (con il titolo o addirittura con qualche estratto) in opere di narrativa realmente esistenti. Il termine fu coniato per la prima volta da Lyon Sprague de Camp nel 1947. Si tratta dunque di libri immaginario, creati come artificio narrativo. Se vuoi sapere un pò di storia degli pseudobiblia, basta cliccare QUI.

Questo è un progetto tanto disperato quanto meraviglioso. Nasce da un amore per il libro nel libro, e da quel fantastico escamotage letterario che è inventarsi un libro che non esiste. Cercherò qui di raccogliere i vari pseudobiblia che trovo in giro per i libri che leggo, corredandoli quando possibile da informazioni di varia natura (se ce ne sono, i libri sono evidenziati in verde, basta cliccarci sopra).

Se vuoi contribuire (ti prego contribuisci!!) basta che lasci un commento qui sotto narrandomi dei fantastici libri inesistenti che hai trovato, e io li inserirò, ovviamente citando te e il tuo blog. Aiutami a costruire la Biblioteca Immaginaria condividendo il progetto! Puoi prendere il banner qui sopra o quelli più piccoli che trovi in fondo alla pagina e linkarli qui!

“…perché un libro esista, basta che sia possibile”.
– “La Biblioteca di Babele”, J.L. Borges

Libri

Ritorna alla lista

Megalopolisomanzia: una nuova scienza urbanistica

Titolo:
Megalopolisomanzia: una nuova scienza urbanistica
Autore:
Thibaut De Castries
Libro originale:
Nostra Signora delle Tenebre
Autore originale:
Fritz Leiber
Altro
<img class="alignleft" src="http://www.esoterica.gr/books/editors/metaekdotiki/megapolisomancy.jpg" alt="" width="144" height="222" />Un estratto dallo pseudobiblum:<br> "In ogni periodo storico ci sono sempre state una o due città appartenenti al genere mostruoso, come Babele ovvero Babilonia, Ur-Lhassa, Ninive, Siracusa, Roma, Samarcanda, Tenochtitlan, Pechino; ma noi viviamo nell’epoca delle metropoli (o delle necropoli), in cui queste maledizioni gravide di disastri sono numerose e minacciano di congiungersi e di avviluppare il mondo nella sostanza funebre ma multi potente delle città. Abbiamo bisogno di un Pitagora Nero perché spii la maligna disposizione delle nostre mostruose città e i loro immondi canti urlati, così come il Pitagora Bianco spiava la disposizione delle sfere celesti e le loro sinfonie cristalline, venticinque secoli fa."

Libri che fanno riferimento a sè stessi

Nome
Cuore d'inchiostro
Guida galattica per gli autostoppisti
Il re in giallo (The king in yellow)
L'ombra del vento
La storia infinita
Libro dei teschi (The Book of Skulls)
Libro del drago (o Endomyon Spring)
Se una notte d'inverno un viaggiatore
Che fine ha fatto Mr Y.

Libri inesistenti di autori reali

  • Pene d’amore conquistate di William Shakespeare in Il manoscritto perduto di Edmund Crispin (pseudonimo di Robert Bruce Montgomery)

Manoscritti e diari

  • Diario di Mary in Il viaggio della strega bambina di Celia Rees
  • Manoscritto di John H. Watson in Sherlock Holmes contro Dracula di Loren D. Estelman

Luoghi e biblioteche immaginarie

Impossibile caricare il template mio.php

 

Banner

263×90

200×68

152×52