Skip to content

Il mostruoso femminile – Jude Ellison Sady Doyle

Il mostruoso femminile recensione

⭐⭐⭐⭐⭐

Il patriarcato e la paura delle donne

In principio ci fu Lilith, e dopo di lei Melusina, la caccia alle streghe, gli esorcismi, fino ad arrivare a Regan e Carrie, al T-rex di Jurassic Park e alle final girl dei film slasher. Tutte queste figure femminili sono accomunate da un singolo tratto universale: se non si è prede -vittime-, allora si è mostri.
Il mostro non è nient’altro che un essere reso deforme e spaventoso perché fuori controllo, e cosa, nella concezione patriarcale, può essere più fuori controllo di una donna libera?

Il mostruoso femminile è un saggio fluido e potente che analizza il modo in cui la cultura di massa e la realtà del patriarcato si influenzano a vicenda. Attraverso un caleidoscopio di citazioni, dalla mitologia alla letteratura gotica, dalla cronaca nera ai cult movies, Jude Ellison Sady Doyle, autorə queer, non binary e transgender, si addentra in un territorio poco esplorato per mostrarci come nascono i mostri e come la narrazione della cultura dominiate può essere riletta e interpretata.

Lo slasher vede il sesso così: gli uomini penetrano e le donne sono penetrate, gli uomini sono predatori e le donne prede. Gli uomini posso desiderare e inseguire il sesso, le donne devono fuggire oppure essere vittime del desiderio maschile.

Se da una parte, come sempre capita nei film slasher, le donne riescono a sfuggire ai mostri solo se aderenti a quei principi di castità e abnegazione che dovrebbero contraddistinguere la figura femminile, dall’altra sono esse stesse a divenire dei mostri quando il loro corpo muta, quando avvengono le prime mestruazioni, quando autonomia e identità si scontrano e sovvertono gli unici tre ruoli che da sempre scandiscono in maniera perentoria le loro vite: figlia, moglie, madre.

Quello di Sady Doyle non è solo un saggio illuminante (anche se a tratti, forse, un pochino forzato) che getta una nuova luce sul clima di paura che circonda la figura femminile, ma anche un monito a non rinnegare la propria mostruosità, un urlo liberatorio affinché la sirena, l’arpia, la strega si riapproprino del diritto di essere libere e potenti.

Potrebbe interessarti anche

  • Genere: ,
  • Titolo originale: Dead Blondes and Bad Mothers: Monstrosity, Patriarchy, and the Fear of Female Power
  • Lingua originale: Inglese
  • Anno pubblicazione: 2019
  • Isbn: 978-8831498258
  • Casa editrice: Edizioni Tlon
  • Traduttore: Laura Fantoni
  • Pagine: 304
Se un mostro è un corpo spaventoso perché fuori controllo, una donna mostruosa è una donna libera dal controllo dell'uomo. "Il mostruoso femminile" è un saggio sulla natura selvaggia della femminilità, che viaggia tra mito e letteratura, cronaca nera e cinema horror, mostrando la primordiale paura che il patriarcato nutre da sempre nei confronti delle donne. Da "L'esorcista" alla dea babilonese Tiamat, dalla biblica Lilith a "Giovani streghe", attraversano leggende e vite dimenticate, Jude Ellison S. Doyle compie un viaggio alla scoperta dell'oscura potenza delle donne, rivendicando l'orrore come forza creatrice, capace di rompere le catene millenarie dell'oppressione patriarcale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *