Skip to content

Tag: horror

Published in: Recensioni, Libri, Autori stranieri

Le montagne della follia – Howard P. Lovecraft

le montagne della follia copertina

Una spedizione in Antartide si trasforma in orrore cosmico

Scritto nel 1931 e rifiutato da cinque editori prima di vedere finalmente la luce nel 1936 tra e pagine di Astounding Stories, questo racconto lungo narra la storia di un gruppo di scienziati ed esploratori sbarcati in Antartide nel 1930. E’ il protagonista stesso a raccontare la storia, che più che un diario scientifico, è un vero e proprio avvertimento volto a scoraggiare scienziati e curiosi dall’idea di intraprendere qualsiasi futura esplorazione nella regione. Degli strani ritrovamenti e un’imminente tragedia metteranno infatti in discussione non solo tutte le teorie scientifiche sullo sviluppo della vita sulla Terra fino ad allora formulate, ma l’esistenza stessa dell’uomo.

E’ più che mai evidente che questo libro soffre l’età che ha. L'”orrore cosmico” che con tanta fatica Lovecraft costruisce pagina dopo pagina, è, per la nostra sensibilità “moderna”, ingombrante, contorto, lento. I colpi di scena nella trama sono suggeriti decine di pagine prima. E nonostante questo l’ossessiva vividezza delle visioni create dal lucido delirio di Lovecraft è impressionante.

Published in: Recensioni, Libri, Autori stranieri

I racconti del Necronomicon – Howard P. Lovecraft

L’orrore cosmico dell’Arabo Pazzo

Questo libro raccoglie una serie di racconti, scritti da Lovecraft tra il 1921 e il 1933, che hanno come comune denominatore il libro maledetto dell’arabo pazzo Abdul Alhazred: il Necronomicon.
In questi racconti si prefigurano scenari di orrore, che prendono vita sulla Terra, ma si allargano in universi a più dimensioni, in cui lo spazio e il tempo perdono di significato. Se negli scritti di molti contemporanei di Lovecraft il male attenta alla salvezza eterna dell’uomo, qui diviene la consapevolezza della mancanza di senso dell’uomo stesso e del suo piccolo mondo sperduto e annichilito, in cui strane, orrorifiche, antichissime creature si muovono nelle profondità e nell grandezza di infiniti universi multidimensionali. Il fulcro del pathos è proprio l’incapacità dell’uomo di comprendere tale grandezza, di relazionarsi con cose che travalicano la comprensione, trascinando nella follia chi cerca di comprenderle.
I protagonisti di questi racconti sono tutti degli intellettuali, dei ricercatori, persone spinte dalla curiosità e della necessità di indagare l’inesplicabile, e spesso sono essi stessi a richiamare il male della sue profondità, restando annichiliti o terrorizzati davanti alle visioni che la loro brama di sapere evoca.

Published in: Recensioni, Graphic novels, Graphic novels & Comix

Fidati, è amore – Joe R. Lansdale, Daniele Serra

Voto: 8 · Genere: Graphic Novel

E’ bene mettere in chiaro le cose sin da subito: questa graphic novel è un calcio nello stomaco. Di quelli forti e impietosi.
L’ho comprata a scatola chiusa: conoscevo Daniele Serra, talentuoso fumettista italiano, già collaboratore della DC Comics, Image e Weird Tales e vincitore di un British Fantasy Award, per altri suoi lavori e Lansdale, folle e geniale, non mi ha mai deluso.

Il fumetto, presentato a Lucca Comics 2015 e pubblicato anche in lingua inglese nel 2014 dall’editore britannico SST (acronimo di Short, Scary, Tales), è ispirato a un un racconto lungo di Lansdale, I Tell You It’s Love, pubblicato per la prima volta nel 1983 sul magazine “Modern Stories” curato da Lewis Shiner.
E’ una storia d’amore inquietante e morbosa, ogni pagina è un tuffo al cuore o, per meglio dire, un calcio nello stomaco. I dialoghi, scarni ma ben scelti, fanno da corollario a pagine quasi del tutto occupate dagli acquerelli ferrosi e potenti di Serra.

Published in: Recensioni, Libri, Autori stranieri

Nostra signora delle tenebre – Fritz Leiber

nostra signora delle tenebre sonosololibri

Una moderna metropoli infestata da entità oscure

Franz Westen, il protagonista, scrive racconti horror per una serie televisiva. Non ancora del tutto uscito da una crisi profonda, dovuta alla morte della giovane moglie, una sera, affacciandosi dalla finestra del suo appartamento, vede sulla collina prospiciente una sinistra figura scura che danza nella notte.
Siamo in una San Francisco misteriosa, abitate da strane forze, nella quale ci muoviamo attraverso la mappa tracciata da un libro segreto e maledetto: “Megalopolisomanzia: una nuova scienza urbanistica” del fantomatico Thibaut De Castries, che postula l’esistenza dei “paramentali”, esseri mostruosi e infidi, il cui habitat naturale sono proprio le moderne megalopoli.

Published in: Graphic novels, Graphic novels & Comix

Incubi – Michele Penco

VOTO: 9 · GENERE: Graphic Novel, Racconti

Incubi è una graphic novel formata da quattro storie, due delle quali ispirate ai racconti di Lovecraft. Come si evince dal titolo, le storie viaggiano sul tema dell’angoscia e della paura, e devo dire che le trame unite alle chine del’autore riescono a creare atmosfere veramente suggestive e spaventose.

Il filo conduttore dei racconti sono inquietanti elementi sovrannaturali, molti dei quali mi hanno ricordato da vicino le deformi e assurde creature dipinte da Bosch nelle sue opere.
Paura e follia si intrecciano in queste tavole assolutamente fenomenali, nelle quali la mano di Michele è capace di creare, rigorosamente in bianco e nero, chiaroscuri incredibili e paesaggi che sembrano vivere di vita propria. Seppur in poche pagine, le storie ci portano faccia a faccia con l’angoscia, creando emozioni forti, e il connubio tra i pochi dialoghi e il tratteggio maniacale di Michele riesce a creare situazioni macabre ed oniriche, rendendo questo volume quanto di più inquietante e vicino all’idea di “Incubo” che mi sia mai capitato di leggere.

Published in: Recensioni, Libri, Autori stranieri, Classici

Dracula – Bram Stoker

La genesi di un vampiro

Londra, fine 1800. Il romanzo si apre con il diario di Jonathan Harker, un neoavvocato inglese che ha l’incarico di recarsi in Transilvania per prendere accordi con un cliente di alto rango, un certo conte Dracula, intenzionato ad acquistare delle proprietà per trasferirsi in Inghilterra. Il povero Jonathan sarà vittima di strani fatti all’interno del castello, di cui annoterà ogni particolare, corredando la nuda cronaca con tutte le sue emozioni… Da questo punto in poi si dipanerà la storia che vede coinvolto l’orribile Conte, giovani pulzelle timorate di Dio e aitanti giovani.

Published in: Libri, Autori Italiani, Free ebook

Girlfriend from Hell – Germano M. [progetto Survival Blog]

VOTO: 7 · GENERE: Post-apocalittico

Questa è la storia di Hell e della pandemia gialla. Tutto qui? No, c’è anche Zooey, attrice alquanto antipatica sulle prime ma che poi diventerà la compagna di fuga di Hell nel tentativo di sopravvivere ai Gialli. Con loro passiamo tre anni, che fuggono veloci tra infetti antropofagi color ocra, safety zones, armi (tante) e fughe. La scrittura è asciutta e veloce, di taglio molto blogghistico, ma non per questo scarna didascalica. Le frasi sono concise ma allo stesso tempo descrivono in maniera elegante l’apocalisse in cui ci ritroviamo. Ci mostrano un mondo di esseri umani che decadono e si inselvatichiscono. Una sorta di ermetismo post-apocalittico. La parola d’ordine è la mia vita o la tua. C’è azione credibile, distopia credibile, romanticismo mai sopra le righe, rimandi cinematografici, ottima musica, un protagonista-narratore con le palle e sfaccettato, una co-protagonista viva non solo perché ispirata a un’attrice ma anche perché resa e studiata a dovere.

Published in: Speciali: libri e cinema, Speciale libri, Speciale Cinema

Speciale libri e film: apocalisse Zombie

La figura dello Zombie non nasce dal cinema bensì da un’antica superstizione haitiana in cui si credeva che alcuni stregoni fossero in grado di privare le persone di una parte della loro anima, facendoli così cadere in un sonno incosciente e trasformandoli in schiavi incapaci di reagire, dei morti viventi. Questo mito è stato ampiamente sfruttato sia nel cinema che nella letteratura trasformandosi in metafore sempre nuove e più complesse per esprimere disagio sociale e grida di denuncia.