Skip to content

Published in: Libri, Autori stranieri

C’è un cadavere in biblioteca – Agatha Christie

★★★☆☆
  • Titolo originale: The body in the library
  • Genere: Giallo
  • Anno: 1942
  • Casa editrice: RCS Quotidiani – Corriere della Sera
  • Pagine: 207
  • Prezzo: 6,90
[amazon-element asin=”8804507713″ locale=”it” listprice=”0″ fields=”button”]
St Mary Mead, una mattina come tante. Almeno fino a quando il colonnello Bantry e sua moglie Dolly vengono bruscamente svegliati da una cameriera terrorizzata, venuta ad annunciare che, nella biblioteca della villa, è stato trovato il cadavere di una sconosciuta in abito da sera, apparentemente assassinata. Nessuno degli abitanti della casa ha mai conosciuto la vittima, ma allora come spiegare il bizzarro ritrovamento? La polizia, subito interpellata, comincia le indagini, ma sarà la simpatica Miss Marple, con il suo occhio infallibile e la sua lucida capacità di far luce nei più tortuosi meandri dell’animo umano, a risolvere il caso.

Grazie alla meravigliosa iniziativa del Corriere della Sera, che sta ripubblicando i capolavori di Agatha Christie in una nuova (e a parer mio bellissima) veste, ho scoperto questo libro forse un po’ meno conosciuto dei grandi classici di questa fantastica scrittrice (che ho conosciuto e amato grazie a Phoebes!).

Forse, dopo “Dieci piccoli indiani“, mi aspettavo qualcosina in più. La storia è senza dubbio coinvolgente, un piacevole giallo di veloce lettura, scorrevole e divertente. La narrazione è molto ben strutturata, e la storia si segue con semplicità (sisi, anche per me che con i nomi sono un vero disastro), cercando ogni volta di scovare il colpevole e il movente. Purtroppo francamente ho trovato la narrazione un po’ lenta e una Miss Marple un po’ piatta. So però che questo non è considerato uno dei migliori romanzi della Christie, e quindi presto mi dedicherò agli altri, alcuni dei quali pare siano dei veri e propri capolavori!

Frasi dal libro

La signora Wetherby disse con compiacenza: “Le acque chete sono sempre le peggiori. Jane Marple lo dice sempre”.

“Gli uomini” disse, con l’abitudine delle vecchie zitelle di considerare quelli del sesso opposto come una specie di animali selvatici “non sono sempre equilibrati come sembrano a prima vista”. (Miss Marple)

Il Segnalibro

Potrebbe interessarti anche

One comment on “C’è un cadavere in biblioteca – Agatha Christie”

  1. Sono contenta di averti ispirata a provare la Christie! Certo è che romanzi come “Dieci piccoli indiani” non ce ne sono molti, spero però che potrai trovarne altri belli almneo quasi quanto quello! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *