Sherlock Holmes contro Dracula – Loren D. Estelman

★★★½☆
/
★★★★☆

  • Titolo originale: Sherlock Holmes vs Dracula, or The Adventure of the Sanguinary Count
  • Anno: 1978, pubblicato per la prima volta in Italia nel 2008
  • Casa editrice: Gargoyle – Collana I nuovi incubi
  • Isbn: 9788889541654
  • Pagine: 182
  • Prezzo: 9,90

[amazon-element asin=”8889541261″ locale=”it” listprice=”0″ fields=”button”]

E’ l’anno 1890. Una nave fa naufragio sulla costa inglese, l’equipaggio e’scomparso, il capitano è stato assassinato e viene trovato legato alla ruota del timone, l’unico passeggero e’ un sinistro cane nero. Il mistero, di cui nessuno riesce a venire a capo, e’ pane per i denti dell’inimitabile Sherlock Holmes, ma per la prima volta nell’arco della sua esaltante carriera il grande detective e’ in difficolta’. Risulta evidente che gli uomini dell’equipaggio sono stati uccisi e gettati fuori bordo, ma cosa puo’ spiegare l’espressione di orrore stampata sul volto del capitano, il suo fatale dissanguamento, e lo strano carico della nave… cinquanta casse di terra? Il gioco e’ aperto e Sherlock Holmes, assistito come sempre dal fedele Dottor Watson, si viene a trovare sulle tracce non di un nemico mortale, ma del Re dei Vampiri in persona… il Conte Dracula. Dall’impalamento della ‘Bloofer Lady’ al rapimento di Mary, l’adorata moglie di Watson, dalla morte di un’innocua prostituta alla terrificante conclusione su una spiaggia isolata, questo caso è insieme una gloriosa celebrazione di due dei più popolari generi letterari, il thriller mozzafiato e l’horror agghiacciante, e una chicca prelibata per tutti gli appassionati di Holmes e di Dracula, ovunque e in ogni tempo.

Prima di dare inizio al racconto, sento che è mio dovere mettere in guardia il lettore contro una certa quantità di affermazioni erronee di recente effettuate in merito agli accadimenti narrati qui di seguito. Mi riferisco in particolare a una monografia illegittima che ha riscosso una certa dose di popolarità fin dalla sua prima apparizione, avvenuta quattro mesi fa: è opera di un irlandese che risponde al nome di Bram Stoker, e si intitola Dracula.

Ecco questo è uno di quei libri che mi è capitato tra le mani (e ringrazio la Gargoyle per questo), e lì per si mi sono detta tra me e me..  “Sè, ora lo leggo e poi lo stronco”, perché dentro la mia testa Sherlok Holmes e Dracula erano due personaggi che non avrebbero potuto (e non avrebbero dovuto) mai trovarsi nelle stesse pagine contemporaneamente. E invece no…
Questo romanzo scritto nel 1978 (arrivato in Italia solo nel 2008 grazie alla Gargoyle), e tradotto in 23 lingue è credo uno dei primi apocrifi riguardante il caro detective. Nel 1981 la BBC ne ha tratto un adattamento radiofonico che ha avuto un grande successo, tanto da essere stato ritrasmesso l’anno scorso.

Estelman decide di mettere uno di fronte all’altro due grandi autori di personaggi immortali come Bram Stoker con il suo Dracula, e Sir Arthur Conan Doyle con Sherlock Holmes, e lo fa sfruttando al meglio l’escamotage del manoscritto ritrovato. Lo scrittore infatti ci narra di aver acquistato a un’asta di oggetti riguardanti Holmes e il compagno Watson, una scatola che si scopre poi contenere un manoscritto proprio del fedele assistente, che egli ci trascrive per intero (esso infatti, per rendere veritiera la finzione letteraria, risulta l’autore del libro) e che inizia con una lettera di Watson che accusa Stoker di aver manipolato le vicende di un caso vissute dai due detective per scrivere il suo “Dracula”, omettendo completamente di citarli nella vicenda.

I fatti iniziano con una nave che misteriosamente approda nel porto di Londra e a bordo della quale viene ritrovato solo il cadavere del capitano che ha dipinta sul volto la vera espressione dell’orrore. Ovviamente a indagare sul caso viene chiamato Holmes, naturalmente seguito dal fedele Watson. Durante il suo cammino, oltre che il terrificante Conte Dracula, i detective incontreranno anche un altro incredibile personaggio: Van Helsing, che troviamo come sempre sulle tracce del vampiro nell’intento di ucciderlo.

Devo dire che nonostante l’accoppiata sia singolare, questo romanzo non delude affatto. La storia è avvincente, anche se molto più ricca di azione che di indagini, e credo che nè i fan di Holmes, nè quelli di Dracula si possano sentire delusi. I protagonisti sono rappresentati fedelmente, e durante il suo racconto Watson cita tutta una serie di accadimenti avvenuti in vari libri del “Canone” di Sir Conan Doyle. Questo denota da parte dell’autore un ampio studio degli scritti di Doyle, riuscendo persino a far credere a Sherlok Holmes, che lo ha sempre rifuggito come spiegazione agli eventi, nel paranormale. Ciò è particolarmente evidente nel passaggio in cui Watson rimprovera Holmes quando lo sorprende a leggere un libro relativo alle superstizioni vampiriche e questi gli risponde: «La conoscenza della qualità dell’avversario, Watson, è la più formidabile delle armi…».
Il tutto è ambientato in una Londra oscura, fatta di brughiere buie e nebbiose, di atmosfere gotiche e di lampioni che proiettano ombre inquietanti.

Ecco se ho trovato un piccolo difetto a questo libro, è che forse speravo in un pò più di indagini, ma alla fine devo dire che gli inseguimenti e i faccia a faccia in cui si troveranno i nostri protagonisti sono davvero emozionanti.

Frasi dal libro

“Mi riferivo al nostro caso. Siete ancora scettico?”
“Sono sempre scettico”, risposi. “Ma devo ammettere che non sono sicuro come prima della mia posizione. Ipotizzare che tutti coloro con i quali abbiamo parlato di questo caso soffrano delle stesse fissazioni, vorrebbe dire stressare un pò troppo la legge delle probabilità”.

“Ci sono cose molto peggiori della morte, Mr Holmes. Dimostratevi ostinato, e scoprirete ciò che voglio dire”.

Curiosità

Se c’è una cosa che io adoro, è questo rendere Holmes e Watson, questi due personaggi così meravigliosamente resi da Conan Doyle, delle persone vive. Non so se sia cosa nota, ma a Londra è stata costruita una casa-museo di Holmes (potete accedere alla pagine di Wiki cliccando sull’immagine), proprio al 221b di Baker Street, e spesso capita di incontrare persone che si interessano al luogo chiedendo “Dov’è la casa dove vive Sherlok Holmes?” come se lui fosse vivo, un personaggio in carne ed ossa eterno e senza tempo.

L’autore alla fine del libro dichiara che il titolo scelto gli sembrava ridicolo, e che preferiva di gran lunga il sottotitolo (The Adventure of the Sanguinary Count) ma la casa editrice insistette perché lo lasciasse tale. Data la quantità di copie vendute poi, anche lui si persuase che andava bene così e anzi in molte edizioni (questa compresa) il sottotitolo fu rimosso.

Il segnalibro

John H. Watson (pseudoautore)

watson

John H. Watson, medico-chirurgo, nacque in Inghilterra nel 1852 e fu amico, confidente e biografo del grande detective Sherlock Holmes, le cui imprese hanno ispirato generazioni di investigatori dilettanti in ogni parte del mondo sin dalla loro prima pubblicazione, apparsa su The Strano Magazine alla fine dell’800. Nel 1878 si laureò in Medicina all’Università di Londra e poco dopo prestò servizio in Afghanistan come aiuto-chirurgo nel Quinto Reggimento Fucilieri Northumberland. Trasferito al reggimento del Berkshire, venne gravemente ferito nella battaglia di Maiwand. Congedato, fece ritorno a Londra, dove ebbe inizio il suo lungo sodalizio con Sherlock Holmes, cui dedicò oltre 60 tra libri e articoli. Il Dr. Watson morì nel 1940.

Loren D. Estelman

loren estelman

Loren D. Estleman ha pubblicato 60 libri e centinaia di racconti e articoli. Considerato una vera e propria autorità in due generi letterari, il western e la detective-story, ha collezionato 17 vittorie e decine di nomination nei più importanti premi “dedicati”, compreso il National BookAward e il Mystery Writers of America EdgarAllan Poe Award. Appassionato fan di Conan Doyle e membro della Società holmesiana Gli Irregolari di Baker Street, ha dedicato al grande detective due romanzi in cui lo contrappone a quelli che definisce “i più famosi super-cattivi della letteratura vittoriana”: Dracula e il Dottor Jekyll (anche questo secondo titolo verrà pubblicato prossimamente da Gargoyle). Sherlock Holmes contro Dracula è stato tradotto in 23 lingue e continuamente ristampato dall’anno di prima pubblicazione (1978).

Comments

  1. By Phoebes

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *