Skip to content

Published in: Libri, Autori Italiani

Margherita Dolcevita – Stefano Benni

★★★½☆

Anno: 2006

Isbn: 9788807819308

Pagine: 206

Margherita Dolcevita è una ragazzina che sa guardare il mondo. Le bastano un cuore appena difettoso e qualche chilo in più per aggiungere sale e ironia alla sua naturale intelligenza delle cose. Compatisce con affetto le stramberie della sua famiglia, e volentieri si perde nel grande prato intorno alla sua casa, ultimo baluardo della campagna ormai contaminata dalla città e dimora della sua amica invisibile: la Bambina di polvere. Ma improvvisamente, come un fantasma di notte, di fronte alla casa di Margherita appare un cubo di vetro nero circondato da un asettico giardino sintetico e da una palizzata di siepi. Sono arrivati i signori Del Bene, i portatori del “nuovo”, della beatitudine del consumo. Amici o corruttori? La famiglia di Margherita cade in una sorta di oscuro incantesimo: nessuno resta immune. E su chi fa resistenza alla festa del benessere, della merce, del potere s’addensa la nube di misteriose ritorsioni. Margherita sospetta un piano diabolico ed è pronta a mettere in gioco la fantasia, la combattività, l’immaginazione per scoprire in quale abisso di colpevole stoltezza il suo piccolo mondo, e forse il mondo intero, sono precipitati.

I miei genitori mi hanno chiamato Margherita, ma io amo essere chiamata Maga o Maghetta. I miei compagni di scuola, ironizzando sul fatto che non sono proprio snella, a volte mi chiamano Megarita; mio nonno, che è un po’ arteriosclerotico, mi chiama Margheritina, ma a volte anche Mariella, Marisella oppure Venusta, che era sua sorella. Ma soprattutto, quando sono allegra mi chiama Margherita Dolcevita.

Margherita ha quattordici anni e mezzo e vive con i genitori, due fratelli, il nonno, il cane Pisolo e la sua sorellina fantasma, la bambina di polvere, lì, dove non è nè città nè campagna. Ha il cuore che ogni tanto perde un colpo, e fa ta-tunf-ta invece di ta-ta-tunf. Un giorno di fronte a casa sua spunta un enorme cubo nero, e tutto cambia, tutti cambiano tranne lei…Con questo libro ho riso quasi per tutto il tempo. Benni non si smentisce in fatto di battute e di storie paradossali e divertenti. Peccato per il finale, che gli ha fatto perdere mezza stella, quasi tirato lì in un capitolo e mezzo e pressochè incomprensibile…

Pagina69

Pagina 69
Infine ha esaminato Pisolo con attenzione e ha chiesto:
– E’ un Beagle retiever?
– No – ho risposto io – è un Postal Market.
Lui ha annuito come se avesse capito, mi ha dato la mano e ha detto:
– E così ecco qua la nostra Margherita.
Su questa intuizione c’era poco da discutere.
Ho analizzato il suo sorriso. E’ il sorriso di qualcuno abituato a pensare che tutti gli credano. Un ghigno irreale, finto, convinto di essere irresisitibile. Come quei comici che usano le risate registrate.
Ecco: un sorriso da risate finte.
Dopo la prima esplosione di immotivato cameratismo c’è stato un sincero momento di imbrarazzo. Poi il ghiaccio è stato rotto da una risata un pò gallinacea di Labella e ci siamo divisi in gruppi.
Mamma ha portato Leonora in visita guidata alla casa.
Giacinto e Labella si sono accucciati vicino allo stereo dove lei ha esaminato con faccia schifata tutti i cidì e ha detto: perchè non hai i Trendy Boys?, e lui ha detto: li ho prestati a un amico.
Per Giacinto questa sarà la prima di una lunga serie di menzogne.
Eraclito e Pisolo sono andati a rubare i grissini: a casa nostra, no grissini no party.
Papà e Frido, da veri uomini, si sono seduti davanti alla finestra e Frido, con gesti strategici, indicava qualcosa nel paesaggio che non gli garbava.
Io sono rimasta come al solito da sola.

Il segnalibro

Potrebbe interessarti anche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *