Skip to content

La scomparsa – Geroges Perec

Il sonno non arrivava. Anton Vokal riattaccò la lampada. Il suo Jaz indicava quasi l’una. Sospirò, si rialzò, appoggiandosi al cuscino. Aprì un romanzo, lo sfogliò, sforzandosi di applicarsi; ma si smarriva in un confuso imbroglio, inciampando di continuo in vocaboli di cui ignorava il significato.
–incipit

Provo a confrontarmi, stando al gioco, o si può dir provandoci, di chi di suo pugno compilò il libro di cui vi sto parlando, strano frutto di un’officina di giovani scrittori, contatori, linguisti, qual fu l’UoLiPo, fondata da un tal Raymond, conosciutissimo già dai suoi Fiori Blu, i cui giochi di locuzioni avanguardistici sono conosciuti in più nazioni. Costoro si confrontarono, dandosi di volta in volta un nuovo obbligo di scrittura, sviluppando uno scombussolio linguistico nuovo, basato su palindromi, mutazioni, crittogrammi, anagrammi o paradigmi scacchistici.

Il mio compito si fa alquanto arduo, in quanto il romanzo, intitolato La Scomparsa, pubblicato in Francia, anno domini 1969, si basa su una Norma, un complicato gioco di locuzioni, chiamato lipogramma, in cui un minuscolo ma importantissimo simbolo usato in ogni lingua, sia la francofona, tanto più l’italiana, manca. Si tratta di un singolo monogramma, un ridicolo “tondo non conchiuso sbarrato da un trattino“, ma di fatto tra i più usati, addirittura -ma non solo-, il più diffuso raccordo tra più frasi o nomi, di solito collocato, diciamo siano vocali, proprio tra a i o u.

La trama tratta di una scomparsa, non solo di sopraindicato simbolo, ma di Anton Vokal (strano nominativo, guarda il caso, ma sarà proprio un caso?). I suoi amici, vicini, lontani, talvolta quasi sconosciuti, si riuniranno ad analizzar l’accaduto, ritrovandosi, di punto in bianco, protagonisti involontari di una storia dai risvolti a dir poco assurdi, mirabolanti, straordinari con coinvolto, guarda un po’, un marchio, o simbolo, spuntato all’improvviso su un biliardo. Andando avanti la trama si fa fitta, complicata, appaiono nuovi protagonisti in un turbinio di fatti, di indizi, di omicidi di varia natura, fino a un punto d’arrivo quantomai insolito.

Tra i capitoli si nascondono giochi, indizi, rimandi, non solo riguardo al fatto di Vokal, ma, strizzando l’occhio, all’insolito svago con cui tutto inizia, il lipogramma, con i quali chi ha compilato il romanzo (arduo nominarlo in modo da non sottrarsi al gioco, chiamiamolo G.P.), si trastulla con scrittori anziani o nuovi -può darsi si burli di loro?- citando dotti richiami, financo Moby Dick, o scritti di sommi rimatori, Victor Hugo, Rimbaud, con i quali lui ingaggia una sfida di riscrittura, lasciando intatto il significato ma cambiando la forma, glissando proprio sui vocaboli contagiati dal monogramma incriminato, cambiandoli con altri ligi alla Norma. Complicato, mi si autorizzi a dirlo, parlar d’un grosso capodoglio bianco a cui un pazzo capitano dá la caccia, scongiurando di pronunciar il simbolo proibito!

Curiosa la trama, valida può darsi, ma tuttavia a tratti un po’ noiosa, farcita di fatti alquanto strani, a dirla tutta talvolta un po’ forzati, o di citazioni magari di grado troppo alto dal mio umilissimo punto di vista. Pagina su pagina la prosa causata dall’arduo vincolo, infarcita di una smisurata quantità di nomi, sinonimi, attributi, ribaditi in modo sproporzionato risulta prolissa, macchinosa, quasi fastidiosa, faticosa di sicuro.

la scomparsa amazon

Un plauso straordinario va all’uomo, acclamato con tanto di coppa, il cui nominativo si trova più sopra, in modo da non turbar il gioco imboccato all’inizio di ‘sta storia, cui fu affidato l’ingrato quanto arduo compito di cambiar una lingua in un’altra, da franco a italico, accordando così al pubblico italiano di giovarsi  di cotanto industrioso capolavoro.
Consiglio tra l’altro a coloro i quali vorranno approcciarsi al libro, di fatto imbarcandosi in una fatica non da poco, di buttar l’occhio prima all’ultimo quarto di stampato, in cui scopriranno, con loro somma gioia, un valido aiuto in cui il translator, andandogli  incontro, illustra non solo i più succosi giochi o ghiribizzi  di un astuto scribacchino (brutto a dirsi, lo so, ma ho finito i sinonimi), tipo la mancanza di un quinto capitolo, guardacaso proprio la cifra associata al monogramma proibito, o molti altri richiami furbi ma nascosti all’occhio, ma incorpora addirittura una comodissima guida ai capitoli riassunti in chiari, facili paragrafi.

Con ció vi lascio, abbandono il faticoso gioco a cui mi sono sottoposta tornando a più tranquilli lidi, in cui non sia cosí arduo districarsi tra il linguaggio al solo scopo di buttar giù un pugno di frasi, un qualsivoglia bla bla bla, una manciata di parol…

Il marcapagina (non vanifichiamo tutta la fatica fatta fin qui)

Potrebbe interessarti anche

Top-qualcosa 2020

In questo anno complicato posso dire, e per una volta davvero a ragione, che la lettura mi abbia salvata. Non amo molto fare le classifiche ma credo che i libri che si sono ritagliati un posticino nel mio cuore meritino un post speciale. Quindi ecco, in ordine quasi del tutto ma non completamente casuale, la top-qualcosa dei libri che ho amato di più nel 2020!

Mercedes – Daniel Cuello

mercedes daniel cuello cover

Mercedes di Daniel Cuello, perché Cuello è una personcina adorabile e anche i suoi personaggi più malvagi, alla fin fine, sono adorabili anche loro.

Mercedes è un idolo indiscusso, una memorabile antieroina cinica, arrogante, inarrestabile, sboccata e massiccia quanto la sua improbabile cofana di capelli rossi. Cuello lavora di cesello, dà forma a personaggi spigolosi ma tridimensionali nella loro deplorevole umanità, gioca sul non detto e su livelli di lettura diversi, crea piani sequenza che sembrano film.⠀

Ne ho parlato su Instagram QUI

Il ragazzo in soffitta – Pupi Avati

il ragazzo in soffitta

Il ragazzo in soffitta di Pupi Avati, perché mi ha insegnato che i mostri non sono sempre quelli con la faccia da mostro e, a volte, abbiamo paura delle cose sbagliate.

Il ragazzo in soffitta è un noir che parla di amicizia, di vendetta e delle umane debolezze. L’alternanza delle due storie crea una montagna russa di emozioni, un ritmo incalzante che non permette di scollarsi dalle pagine.

Ne avevo parlato su Instagram QUI

Women of Weird – AA. VV.

Women of weird perché è un progetto dannatamente bello e non c’è un solo racconto che non meriti di essere letto.

In questa raccolta di racconti weird potrete trovare sinistre entità che perseguitano il genere umano, pianeti abitati da esseri misteriosi, giochi che sconvolgono la vita di chi li porta a casa, antichi culti, paesi in cui si attuano punizioni esemplari e perfino unicorni. La grande forza di questa antologia è proprio la varietà. Ogni racconto è una sorpresa, un adrenalinico salto nel vuoto, un piccolo scrigno che potrebbe contenere meraviglie o orrori.

Ne ho parlato QUI.

Il complotto contro l’America – Philip Roth

il complotto contro l'america cover

Il complotto contro l’America di Philip Roth, perché è stato il mio primo Roth, ne avevo dannatamente paura e invece si è rivelata una bellissima e agghiacciante ucronia.

Quella di Roth è una scrittura densa, che va masticata e assaporata lentamente. E’ una narrazione lenta e fatta di continue digressioni, che come in un puzzle vanno a formare, mano a mano, un quadro ampio e splendidamente strutturato. E’ una storia che parla di quanto possa essere labile la democrazia anche nello stato più democratico del mondo, ma è anche il percorso di crescita e di formazione di un bambino che si ritrova ad avere a che fare con le paure di un mondo che non comprende e di una situazione molto più grande di lui.

Ne ho parlato QUI.

Come eliminare la polvere e altri brutti pensieri – Daniele Germani

come eliminare la polvere e altri brutti pensieri

Come eliminare la polvere e altri brutti pensieri di Daniele Germani, perché ci sono inciampata dentro e le storie di triste follia meritano sempre di essere raccontate.

Con una scrittura poetica ed evocativa, Daniele Germani ci regala questo libro tanto breve quanto intenso. Un percorso doloroso attraverso i cunicoli della mente umana, un racconto che apre moltissime domande che, in questo caso, contano molto più delle risposte.

Ne ho parlato QUI.

Anni Luce – Andrea Pomella

anni luce pomella cover

Anni Luce di Andrea Pomella, perché quell’urgenza di capire chi siamo, di mordere il mondo, di precipitare nel baratro e pensare di salvarsi attraverso la musica ce l’abbiamo avuta tutti.

Questo è un libro nato da un figlio della generazione X, il disilluso racconto di un uomo ormai adulto che guarda, col senno di poi ma anche con non celata nostalgia, a quegli anni quasi liquidi fatti di alcool, droga, amicizie sbandate e musica.
E’ un romanzo che probabilmente trova nel suo più grosso pregio anche il suo più grande difetto: è un romanzo generazionale, figlio di un’epoca che se non la si è vissuta, almeno in parte, forse non si può comprendere del tutto.

Ne ho parlato QUI.

Battle Royale – Koushun Takami

battle royale copertina

Battle Royale di Koushun Takami, perché è cattivo fino all’osso. Non ha nessun insegnamento da dare, ci sono solo sangue e terrore come solo i migliori giapponesi sanno regalare.

Prendi Il signore delle mosche, Hunger Games, Fortnite e butta via tutto (no vabhè, il Signore delle mosche magari tienilo). Battle Royale è una bomba che ti esplode in piena faccia, un capolavoro del pulp che, dopo essere stato rifiutato da svariati editori e premi letterari, è divenuto in Giappone il libro più venduto di tutti i tempi, ispirando manga, film e videogiochi.

Ne avevo parlato QUI.

King Kong Theory – Virginie Despentes

king kong theory

King Kong theory di Virginie Despentes, perché Despentes affronta argomenti delicatissimi, come il patriarcato, lo stupro e la prostituzione con una lingua ruvida come quella di un gatto.

Un testo cruciale per molti aspetti, il primo saggio pubblicato dall’autrice, è un moderno manifesto femminista che devasta l’ordine sociale contemporaneo nel quale i corpi delle donne sono a disposizione degli uomini.

Il giovane Holden – J. D. Salinger

il giovane holden

Il giovane Holden di J. D. Salinger, perché è irritante e indisponente e confuso e dannatamente fragile. E io me lo ricordo come ci si sente.

Eccolo qui il giovane Holden, in piedi sul confine tra l’adolescenza e l’età adulta. Un ragazzino irritante, presuntuoso, indisponente, spocchioso. Ma anche, e soprattutto, confuso, fragile, spaventato, a volte depresso “e via dicendo”.
Cacciato dall’ennesima scuola e in attesa di tornare a casa, dove lo aspetta la ramanzina del padre, ma forse anche dei dolorosi ricordi, si aggira in una New York fumosa e affollata nella quale, però, sembra così dannatamente solo.

Ne ho parlato QUI.

Karoo – Steve Tesich

karoo steve tesich

Karoo di Steve Tesich, perché è l’amaro specchio di una realtà che si sgretola per far posto alla finzione.

Saul Karoo è una persona detestabile. Ricco, sovrappeso, intelligente, si finge il fantastico padre di un figlio che però continua ad evitare.
Saul Karoo recita, recita la parte di se stesso per come lo vedono gli altri. Recita e per recitare è necessario un pubblico, quindi è incapace di una vita privata. Recita anche adesso che, per colpa di una strana sindrome, nonostante ingurgiti quantità ciclopiche di alcool non riesce più ad ubriacarsi. Ma il suo personaggio è quello del cinico ubriacone, e quindi si finge tale per non deludere il suo pubblico.

Ne ho parlato QUI

L’orda del vento – Alain Damasio

l'orda del vento copertina

L’orda del vento di Alain Damasio, perché l’autore è un asceta folle e perché è la cosa più bella che ho letto quest’anno e, probabilmente, tra quelle più belle della mia vita. Non è un libro, è un’esperienza fisica che mi ha strappato il cuore e mi ha fatta arrancare controvento trepidando e gioendo e piangendo ed è esattamente quello che un libro dovrebbe fare.

L’orda del vento è un romanzo corale che parte con “arroganza”, a cominciare dalla numerazione delle pagine, che va alla rovescia (da 624 a 0), alla sua prima pagina, in cui le parole sono spezzate come se fossero spazzate via dal vento, fino alle voci dei 23 personaggi, che si alternano identificate ciascuna solo da un simbolo. Si viene catapultati nel mezzo dell’azione e in un mondo altro, dominato dalle sue regole e da un linguaggio che all’inizio risulta ostico e in parte apparentemente privo di significato, ma che man mano che si va avanti nella lettura diviene familiare, come se il lettore stesso si tramutasse, piano piano, nel ventiquattresimo membro dell’orda.

Ne ho parlato QUI


Sono curiosa di sapere qual è stata la vostra miglior lettura del 2020! Fatemelo sapere nei commenti!

Potrebbe interessarti anche

Georges Perec

georges perec

Georges Perec è stato uno scrittore francese, membro dell’OuLiPo, le cui opere sono basate sull’utilizzo di limitazioni formali, letterarie o matematiche.
Nato il 7 marzo 1936 a Parigi da genitori ebrei esuli polacchi (il padre morirà in guerra quattro anni più tardi e la madre, internata ad Auschwitz, non ne farà ritorno), Georges Perec cresce con gli zii che si occupano di lui e gli permettono di portare a termine gli studi liceali. Nel 1954 si iscrive all’Università in un indirizzo umanistico per abbandonare però dopo poco tempo gli studi.
Il suo vero e proprio debutto letterario si ha nel 1965 con la pubblicazione di “Les Choses”. E’ il primo capolavoro.
Un anno dopo aderisce a quella singolare associazione di personalità geniali che va sotto il nome di “Oulipo” (Ouvroir de Litérature Potentielle), dove ha modo di conoscere, tra gli altri, Raymond Queneau e Italo Calvino.
Per molti anni si guadagna da vivere come documentalista per un ente di ricerca medica, al quale affianca l’attività di realizzatore di cruciverba, ma è soltanto dopo il 1978, con la pubblicazione di “La vita, istruzioni per l’uso” e la vittoria del Premio Medicis che può dedicarsi esclusivamente all’attività di scrittore.
Da allora la sua vita è caratterizzata da un impegno in moltissimi settori culturali in una dispersione frenetica che ha seminato genialità in tutti i suoi passaggi. Libri, cinema, critica cinematografica e teatrale, testi teatrali, giochi enigmistici, traduzioni, creazioni musicali e radiofoniche: nulla di tutto questo è sfuggito alla sua vulcanica e tentacolare vena creativa.
Un tumore polmonare, diagnosticatogli alcuni mesi prima, lo stronca prematuramente a soli quarantasei anni il 3 marzo 1982 ad Ivry.

Libri recensiti dello stesso autore:

  1. La scomparsa – Geroges Perec

  • Genere:
  • Titolo originale: La disparition
  • Lingua originale: Francese
  • Anno pubblicazione: 1969
  • Premio: Premio Monselice per la traduzione
  • Isbn: 9788860422927
  • Casa editrice: Guida
  • Traduttore: Piero Falchetta
  • Pagine: 328
Il protagonista del romanzo, Anton Vokal, sogna di una scomparsa. A cosa si riferisce il suo sogno? Forse a un misterioso volume sparito dalla biblioteca senza lasciare traccia. O forse alla sua stessa scomparsa sulla quale indagherà l'investigatore Dupin, già protagonista della Lettera rubata di E. A. Poe. O, ancora, si riferisce alla scomparsa della lettera "e", che nel romanzo non viene scritta nemmeno una volta. Oppure si riferisce alla moltitudine scomparsa, uccisa, sterminata dalla follia nazi-fascista durante la prima metà del secolo scorso. Può darsi che il titolo che Perec ha deciso di dare a questo appassionante giallo si riferisca a tutte le scomparse di cui l'autore ci parla attraverso un ricercato gioco letterario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gestisci gli utenti iscritti alla discussione.