Skip to content

The Resurrectionist: The Lost Work of Dr. Spencer Black – Eric B. Hudspeth

il codice delle creature estinte recensione

⭐⭐⭐⭐

Il codice delle creature estinte – Tra arte e follia

“The sustainable body of scientific evidence is derived from the contractions mad by the objective observer, not parroting the learned scholar.”
–Dr. Spencer Black

Siamo nella seconda metà del 1800 e il protagonista del libro è, come si evince dal titolo, il Dr. Spencer Black, figlio di un dottore, che ha a sua volta seguito la carriera del padre. Affascinato dal corpo umano e pregno di sete di conoscenza, il Dr. Black si specializza in malformazioni e deformità, divenendo ben presto luminare, ricercatore e innovatore nella materia. La sua ricerca lo spinge però a porsi dei grossi interrogativi, che diverranno ben presto una vera e propria ossessione.

Affascinante fusione di fiction e arte, pubblicato nel 2013 dalla Quirk Books che, come dice in nome, pubblica libri “strani”, The Resurrectionist (in italiano Il codice delle creature estinte) è, in effetti, una strana storia. La trama, anche se forse non straordinaria, regge, ed è una grottesca, disturbante, e a tratti assurda cronaca della vita del dottore dall’infanzia fino alla discesa nella follia di una di quelle menti che non sono mai dome, che sentono il bisogno di spingersi sempre più in là, di esplorare l’inesplorato ma anche, forse, l’inesplorabile, in cui i fan dell’horror o del macabro riconosceranno subito nel protagonista l’archetipo del genio, spinto alla psicopatia dalla stessa illuminazione che lo ha elevato all’inizio.

Una pagina dal Codice delle creature estinte

Forse non adattissima a stomaci deboli e persone facilmente impressionabili, la storia, che consta in si e no 65 pagine, non è però tutto: ciò che mi ha davvero portato all’acquisto di questo libro sono state le illustrazioni. Buona parte del volume è infatti occupata da compendio illustrato, “The Codex Extinct Animalia”, il lavoro perduto del Dr. Spencer Black per l’appunto, che non è altro che una collezione di splendide tavole anatomiche dettagliate e rifinite in maniera maniacale, di svariate (dodici per l’esattezza) creature mitologiche. Oltre a essere geniali, le tavole, complete di ogni dettaglio dalle ossa, all’apparato muscolare, a pelle e organi, sono davvero di una bellezza straordinaria.

il codice delle creature estinte

Forse la storia pecca un po’ di inesperienza, dato che l’autore del libro non nasce scrittore, bensì artista (egli stesso dice che l’ispirazione del libro è nata proprio in Italia, mentre si trovava a Pietrasanta per scolpire dei marmi, studiando delle tavole anatomiche di animali fantastici), ma crea un tutt’uno con le illustrazioni, dando vita un insieme davvero godibile, che risulta una degna eccezione alla regola secondo cui un libro non si giudica dalla copertina.

Il libro è in inglese, e al momento non vi è nessuna informazione su una possibile traduzione in italiano ma la casa editrice Moscabianca ha recentemente pubblicato una versione in italiano con il titolo “Il codice delle creature estitnte. La storia è comunque piuttosto breve e direi assolutamente comprensibile per chi abbia un livello medio della lingua.

Booktrailer

Frasi dal libro

“I hear them marvel at my work–my indignant science. I hear them call out in fear of what they see. And there are some gentlemen who doubt what I will tell them. They call me a liar and a charlatan or a quack. But in time the methods of science that I now employ to convince people will surely set them free–alas, this I cannot explain to the angry fools. (Spencer Black)”

Il segnalibro

Potrebbe interessarti anche

Top-qualcosa 2020

In questo anno complicato posso dire, e per una volta davvero a ragione, che la lettura mi abbia salvata. Non amo molto fare le classifiche ma credo che i libri che si sono ritagliati un posticino nel mio cuore meritino un post speciale. Quindi ecco, in ordine quasi del tutto ma non completamente casuale, la top-qualcosa dei libri che ho amato di più nel 2020!

Mercedes – Daniel Cuello

mercedes daniel cuello cover

Mercedes di Daniel Cuello, perché Cuello è una personcina adorabile e anche i suoi personaggi più malvagi, alla fin fine, sono adorabili anche loro.

Mercedes è un idolo indiscusso, una memorabile antieroina cinica, arrogante, inarrestabile, sboccata e massiccia quanto la sua improbabile cofana di capelli rossi. Cuello lavora di cesello, dà forma a personaggi spigolosi ma tridimensionali nella loro deplorevole umanità, gioca sul non detto e su livelli di lettura diversi, crea piani sequenza che sembrano film.⠀

Ne ho parlato su Instagram QUI

Il ragazzo in soffitta – Pupi Avati

il ragazzo in soffitta

Il ragazzo in soffitta di Pupi Avati, perché mi ha insegnato che i mostri non sono sempre quelli con la faccia da mostro e, a volte, abbiamo paura delle cose sbagliate.

Il ragazzo in soffitta è un noir che parla di amicizia, di vendetta e delle umane debolezze. L’alternanza delle due storie crea una montagna russa di emozioni, un ritmo incalzante che non permette di scollarsi dalle pagine.

Ne avevo parlato su Instagram QUI

Women of Weird – AA. VV.

Women of weird perché è un progetto dannatamente bello e non c’è un solo racconto che non meriti di essere letto.

In questa raccolta di racconti weird potrete trovare sinistre entità che perseguitano il genere umano, pianeti abitati da esseri misteriosi, giochi che sconvolgono la vita di chi li porta a casa, antichi culti, paesi in cui si attuano punizioni esemplari e perfino unicorni. La grande forza di questa antologia è proprio la varietà. Ogni racconto è una sorpresa, un adrenalinico salto nel vuoto, un piccolo scrigno che potrebbe contenere meraviglie o orrori.

Ne ho parlato QUI.

Il complotto contro l’America – Philip Roth

il complotto contro l'america cover

Il complotto contro l’America di Philip Roth, perché è stato il mio primo Roth, ne avevo dannatamente paura e invece si è rivelata una bellissima e agghiacciante ucronia.

Quella di Roth è una scrittura densa, che va masticata e assaporata lentamente. E’ una narrazione lenta e fatta di continue digressioni, che come in un puzzle vanno a formare, mano a mano, un quadro ampio e splendidamente strutturato. E’ una storia che parla di quanto possa essere labile la democrazia anche nello stato più democratico del mondo, ma è anche il percorso di crescita e di formazione di un bambino che si ritrova ad avere a che fare con le paure di un mondo che non comprende e di una situazione molto più grande di lui.

Ne ho parlato QUI.

Come eliminare la polvere e altri brutti pensieri – Daniele Germani

come eliminare la polvere e altri brutti pensieri

Come eliminare la polvere e altri brutti pensieri di Daniele Germani, perché ci sono inciampata dentro e le storie di triste follia meritano sempre di essere raccontate.

Con una scrittura poetica ed evocativa, Daniele Germani ci regala questo libro tanto breve quanto intenso. Un percorso doloroso attraverso i cunicoli della mente umana, un racconto che apre moltissime domande che, in questo caso, contano molto più delle risposte.

Ne ho parlato QUI.

Anni Luce – Andrea Pomella

anni luce pomella cover

Anni Luce di Andrea Pomella, perché quell’urgenza di capire chi siamo, di mordere il mondo, di precipitare nel baratro e pensare di salvarsi attraverso la musica ce l’abbiamo avuta tutti.

Questo è un libro nato da un figlio della generazione X, il disilluso racconto di un uomo ormai adulto che guarda, col senno di poi ma anche con non celata nostalgia, a quegli anni quasi liquidi fatti di alcool, droga, amicizie sbandate e musica.
E’ un romanzo che probabilmente trova nel suo più grosso pregio anche il suo più grande difetto: è un romanzo generazionale, figlio di un’epoca che se non la si è vissuta, almeno in parte, forse non si può comprendere del tutto.

Ne ho parlato QUI.

Battle Royale – Koushun Takami

battle royale copertina

Battle Royale di Koushun Takami, perché è cattivo fino all’osso. Non ha nessun insegnamento da dare, ci sono solo sangue e terrore come solo i migliori giapponesi sanno regalare.

Prendi Il signore delle mosche, Hunger Games, Fortnite e butta via tutto (no vabhè, il Signore delle mosche magari tienilo). Battle Royale è una bomba che ti esplode in piena faccia, un capolavoro del pulp che, dopo essere stato rifiutato da svariati editori e premi letterari, è divenuto in Giappone il libro più venduto di tutti i tempi, ispirando manga, film e videogiochi.

Ne avevo parlato QUI.

King Kong Theory – Virginie Despentes

king kong theory

King Kong theory di Virginie Despentes, perché Despentes affronta argomenti delicatissimi, come il patriarcato, lo stupro e la prostituzione con una lingua ruvida come quella di un gatto.

Un testo cruciale per molti aspetti, il primo saggio pubblicato dall’autrice, è un moderno manifesto femminista che devasta l’ordine sociale contemporaneo nel quale i corpi delle donne sono a disposizione degli uomini.

Il giovane Holden – J. D. Salinger

il giovane holden

Il giovane Holden di J. D. Salinger, perché è irritante e indisponente e confuso e dannatamente fragile. E io me lo ricordo come ci si sente.

Eccolo qui il giovane Holden, in piedi sul confine tra l’adolescenza e l’età adulta. Un ragazzino irritante, presuntuoso, indisponente, spocchioso. Ma anche, e soprattutto, confuso, fragile, spaventato, a volte depresso “e via dicendo”.
Cacciato dall’ennesima scuola e in attesa di tornare a casa, dove lo aspetta la ramanzina del padre, ma forse anche dei dolorosi ricordi, si aggira in una New York fumosa e affollata nella quale, però, sembra così dannatamente solo.

Ne ho parlato QUI.

Karoo – Steve Tesich

karoo steve tesich

Karoo di Steve Tesich, perché è l’amaro specchio di una realtà che si sgretola per far posto alla finzione.

Saul Karoo è una persona detestabile. Ricco, sovrappeso, intelligente, si finge il fantastico padre di un figlio che però continua ad evitare.
Saul Karoo recita, recita la parte di se stesso per come lo vedono gli altri. Recita e per recitare è necessario un pubblico, quindi è incapace di una vita privata. Recita anche adesso che, per colpa di una strana sindrome, nonostante ingurgiti quantità ciclopiche di alcool non riesce più ad ubriacarsi. Ma il suo personaggio è quello del cinico ubriacone, e quindi si finge tale per non deludere il suo pubblico.

Ne ho parlato QUI

L’orda del vento – Alain Damasio

l'orda del vento copertina

L’orda del vento di Alain Damasio, perché l’autore è un asceta folle e perché è la cosa più bella che ho letto quest’anno e, probabilmente, tra quelle più belle della mia vita. Non è un libro, è un’esperienza fisica che mi ha strappato il cuore e mi ha fatta arrancare controvento trepidando e gioendo e piangendo ed è esattamente quello che un libro dovrebbe fare.

L’orda del vento è un romanzo corale che parte con “arroganza”, a cominciare dalla numerazione delle pagine, che va alla rovescia (da 624 a 0), alla sua prima pagina, in cui le parole sono spezzate come se fossero spazzate via dal vento, fino alle voci dei 23 personaggi, che si alternano identificate ciascuna solo da un simbolo. Si viene catapultati nel mezzo dell’azione e in un mondo altro, dominato dalle sue regole e da un linguaggio che all’inizio risulta ostico e in parte apparentemente privo di significato, ma che man mano che si va avanti nella lettura diviene familiare, come se il lettore stesso si tramutasse, piano piano, nel ventiquattresimo membro dell’orda.

Ne ho parlato QUI


Sono curiosa di sapere qual è stata la vostra miglior lettura del 2020! Fatemelo sapere nei commenti!

Potrebbe interessarti anche

Eric B. Hudspeth

Dal sito dell’autore: “Sono stato cresciuto in Colorado ma ho vissuto in diversi stati degli Stati Uniti mentre crescevo. Ho lavorato come scultore del ghiaccio per circa dieci anni, sempre scrivendo e dipingendo. Il mio amore per l’arte mi ha portato in svariate nazioni e, infine, a Pietrasanta in Italia, dove ho lavorato come scultore del marmo. Mentre ero in Italia, lavorando su disegni anatomici di animali fantastici, ho creato l’inizio di quello che è diventato The Resurrectionist. Continuo a lavorare come artista.”

QUI il suo sito.

Libri recensiti dell’autore:

  1. The Resurrectionist: The Lost Work of Dr. Spencer Black – Eric B. Hudspeth

  • Genere: ,
  • Titolo originale: The Resurrectionist: The Lost Work of Dr. Spencer Black
  • Lingua originale: Inglese (non ancora tradotto in italiano)
  • Anno pubblicazione: 2013
  • Isbn: 9781594746161
  • Casa editrice: Quirk Books
  • Illustratore: Eric B. Hudspeth
  • Pagine: 191, con compendio di immagini a colori
Philadelphia, the late 1870s. A city of gas lamps, cobblestone streets, and horse-drawn carriages—and home to the controversial surgeon Dr. Spencer Black. The son of a grave robber, young Dr. Black studies at Philadelphia’s esteemed Academy of Medicine, where he develops an unconventional hypothesis: What if the world’s most celebrated mythological beasts—mermaids, minotaurs, and satyrs—were in fact the evolutionary ancestors of humankind? The Resurrectionist offers two extraordinary books in one. The first is a fictional biography of Dr. Spencer Black, from a childhood spent exhuming corpses through his medical training, his travels with carnivals, and the mysterious disappearance at the end of his life. The second book is Black’s magnum opus: The Codex Extinct Animalia, a Gray’s Anatomy for mythological beasts—dragons, centaurs, Pegasus, Cerberus—all rendered in meticulously detailed anatomical illustrations. You need only look at these images to realize they are the work of a madman. The Resurrectionist tells his story.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *