Skip to content

Published in: Leggendo, Speciale libri

#fantadistochallenge, libri consigliati

In questo post riassumerò tutti i titoli consigliati per la #fantadistochallenge, della quale potete leggere tutti i dettagli QUI!
Molti libri di questo elenco sono validi per varie categorie, sentitevi quindi liberi di prendere i miei suggerimenti con le molle e di scambiarli come meglio credete!

Settembre 2019 – Big brother is watching you 
Una distopia classica con regime dittatoriale

Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Libro consigliato: 1984 – George Orwell, 1949
Non esiste distopia senza 1984. Questo libro racchiude infatti in sè tutti i tratti caratteristici del genere: regime totalitario, tecnologia usata per scopi di controllo, degrado culturale, stato di polizia, libertà compromessa, società devastata e inaridita.

Orwell, anarchico passato al socialismo, fu vittima delle persecuzioni staliniste durante la guerra civile spagnola: da questo evento terribile, che egli considerò un vero e proprio tradimento tra fratelli, perpetrato con grande abilità dialettica (e descritto in Omaggio alla Catalogna), nacque in lui la necessità di combattere ogni forma di totalitarismo, sia quello fascista che quello comunista.

1984 è, in effetti, un terribile ed efficace atto d’accusa nei confronti della pretesa totalitaria di voler piegare la realtà e le persone ad un fine superiore, che idealmente coincideva con la felicità del popolo, ma alla fine si identificava nell’obbedienza cieca ai partiti totalitari e ai loro leader.

Di 1984 non ho mai scritto una recensione ma, del resto dubito ce ne sia bisogno!


Sostieni il blog! Acquista su: Amazon

Cosa leggerò: Il mondo nuovo – Aldous Huxley, 1932
Il mondo nuovo, insieme a 1984, è l’altro grande caposaldo della distopia classica.
Il libro anticipa temi quali lo sviluppo delle tecnologie della riproduzione, l’eugenetica e il controllo mentale, usati per forgiare un nuovo modello di società.

Ambientato nell’anno di Ford 632, corrispondente all’anno 2540 della nostra era, il romanzo descrive una società il cui motto è “Comunità, Identità, Stabilità”. A seguito di una devastante guerra di nove anni, l’intero pianeta viene riunito in vari grandi stati, governati da dieci G Mondiali. La popolazione ignora il motivo della propria situazione attuale: sa solo che il passato era caratterizzato dalla barbarie. Solo i Governatori sanno come la presente società sia nata e come fosse in precedenza.


Ottobre 2019 – Mars attacks!
Un distopico/fantascientifico che tratti di alieni o mutanti

Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Libro consigliato: La guerra dei mondi – H.G. Wells, 1898
Scritto nel 1897 e ben presto divenuto il romanzo più famoso di Wells, La guerra dei mondi è uno dei capostipiti del genere fantascientifico, nonchè uno dei primi romanzi in cui si prospetta un’invasione aliena.

Mai andato fuori stampa in oltre cento anni, con questo libro nasce un genere letterario (e cinematografico) ancora estremamente in voga ai giorni nostri, e porta dentro di sé trovate che cambieranno la storia della letteratura e dell’immaginario collettivo. Una pietra miliare insomma, scritto a metà strada tra la cupa incertezza Vittoriana e la satira sociale su di essa.

Se volete farvi un’idea, qui sul blog trovate anche una recensione, come sempre assolutamente spoilerfree


Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Cosa leggerò: I trasfigurati – John Whyndam, 1955
I trasfigurati è un classico romanzo di fantascienza post-apocalittica, in cui un cataclisma devastante – che si intuisce essere un olocausto atomico di proporzioni planetarie – ha ripiombato l’umanità nell’epoca della società agricola pre-industriale, costituita da piccole comunità e caratterizzata dalla prevalenza della famiglia allargata.

Tuttavia, a differenza dell’originaria società medioevale, queste piccole comunità del “dopobomba” sono dominate dall’intolleranza religiosa e da un atavico terrore della diversità. Il diverso, il mutante, l’alieno, deve essere estromesso, espulso dalla comunità, o addirittura distrutto, al fine di preservare la purezza delle specie e prevenire la contaminazione dell’equilibrio naturale.


Novembre 2019 – Vecchi tempi
Un distopico/fantascientifico scritto tra il 1860 e il 1960

Libro consigliato: Il giorno dei Trifidi – John Wyndham, 1951
Una tempesta di meteoriti rende la quasi totalità della popolazione cieca. Parallelamente a questo evento inizia, lenta ma inesorabile, la conquista del mondo da parte dei Trifidi.
Possibile frutto di una manipolazione scientifica, i Trifidi appaiono pochi anni prima dello svolgimento della storia. Soltanto dopo la loro diffusione massiva e globale, la razza umana si accorge che non solo sono in grado di deambulare e, probabilmente, di comunicare, ma che possiedono un aculeo intriso di un veleno mortale con il quale trafiggono le vittime di cui si nutrono. Si, i trifidi sono carnivori.

Il romanzo ricade pienamente nel filone della fantascienza apocalittica e post apocalittica, e indaga moltissimi temi tipici di questo genere: la teconologia come causa della fine, gli aspetti sociologici relativi alla natura dell’uomo e la sopravvivenza del singolo in relazione alla sopravvivenza della specie.

Per farvi un’idea più ampia, trovate la mia recensione QUI
NOTA: al momento questo libro è disponibile solo in formato ebook (ed è un vero peccato perchè è un libro soprendente).


Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Cosa leggerò: La guerra delle Salamandre – Karel Čapek, 1936
Un apologo pieno di spirito e amara ironia significativamente scritto nel 1936: in una baia dei mari del Sud viene scoperta una strana e mite “salamandra” antropomorfa. I primi esemplari vengono usati nella pesca delle perle o portati in giro nei circhi. Ben presto però si scopre che le salamandre imparano a parlare facilmente e si comincia a usarle come manodopera (alquanto schiavizzata) per complesse lavorazioni subacquee e iniziano i primi tentativi di “civilizzarle”. Rapidamente si arriva al loro uso militare da parte delle nazioni “civili”. Altrettanto rapidamente nasce la coscienza di essere un popolo e le conoscenze acquisite vengono ritorte contro il genere umano. Ma anche tra il popolo delle salamandre nascono divisioni, si generano fazioni e inizia una guerra intestina che porterà alla distruzione globale…


Dicembre 2019 – Gender bender
Un distopico scritto da una donna

Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Cosa potreste leggere: Ragazze elettriche – Naomi Alderman, 2016
Premetto di non aver letto questo libro. In effetti, non ho mai letto un distopico scritto da una donna, quindi non ho veri consigli da dare. Personalmente leggerò Il racconto dell’ancella (vedi sotto), ma dato che molti di voi lo potrebbero aver già letto, questo mi è stato suggerito come una buona alternativa.

In questo romanzo visionario dai toni fantascientifici, Naomi Alderman costruisce una perturbante distopia che è anche una parabola sul potere e sulle sue perversioni. In un tempo imprecisato ma molto vicino al nostro presente, nel mondo comincia all’improvviso a verificarsi uno strano fenomeno: prima le ragazze, e poi le donne in generale, sviluppano la capacità di infliggere dolore e morte tramite scariche elettriche emanate dalle loro mani e attivate da una misteriosa “matassa” collocata sulle clavicole. Si innesca cosi un’inedita gerarchia di potere – in cui gli uomini sono ridotti in schiavitù, seviziati e uccisi – che è anche un’imprevista evoluzione dei rapporti tra i sessi e l’impulso a un nuovo ordine globale, con esiti inarrestabili e catastrofici. “Ragazze elettriche” scompagina il racconto del futuro prossimo e penetra nelle vene della crudeltà che abita ineludibilmente, come uno stigma, la conquista e l’esercizio del potere.

Tramite le storie di quattro personaggi il romanzo racconta una società incentrata sulla discriminazione sessuale con un rovesciamento dei ruoli, in cui le donne distruggono, violentano, seviziano e uccidono e gli uomini sono vittime di violenza di genere istituzionalizzata.


Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Cosa leggerò: Il racconto dell’ancella – Margaret Atwood, 1985
Ambientato in un futuro prossimo, in una teocraziatotalitaria che ha rovesciato il governo degli Stati Uniti, Il racconto dell’ancella esplora i temi della sottomissione della donna e dei vari mezzi che la politica impiega per asservire il corpo femminile e le sue funzioni riproduttive ai propri scopi.

In un mondo devastato dalle radiazioni atomiche, gli Stati Uniti sono divenuti uno Stato totalitario, basato sul controllo del corpo femminile. Difred, la donna che appartiene a Fred, ha solo un compito nella neonata Repubblica di Galaad: garantire una discendenza alla élite dominante. Il regime monoteocratico di questa società del futuro, infatti, è fondato sullo sfruttamento delle cosiddette ancelle, le uniche donne che dopo la catastrofe sono ancora in grado di procreare. Ma anche lo Stato più repressivo non riesce a schiacciare i desideri e da questo dipenderà la possibilità e, forse, il successo di una ribellione.


Gennaio 2020 – The end is near
Un post apocalittico

Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Libro consigliato: La strada – Cormac McCarthy, 2006
Il romanzo di McCarthy, vincitore del premio Pulitzer nel 2007 racconta la storia di un padre e un figlio, ultimi brandelli di un’umanità decimata e ormai ridotta alla più terrificante barbarie in nome della sopravvivenza, ostinati tra le macerie del mondo alla caccia di cibo e braccati dalla paura, dal freddo, dal continuo pensiero della morte che assume nel contempo il ruolo di carnefice e di liberazione.

La strada racconta un’umanità post-apocalittica in cui in cui l’orrore, il buio, l’angoscia vengono usati per esaltare la luce dell’amore e della giustizia.

La mia recensione, sempre spoilerfree, la trovate QUI.


Cosa leggerò: Avrei tanto voluto leggere L’ultimo uomo di Mary Shelly ma, ahimè, il libro è introvabile in ogni sua versione. Quindi leggerò…

Cosa leggerò: La morte dell’erba – John Christopher, 1956
Pubblicato per la prima volta nel 1956, “La morte dell’erba” è diventato da allora un classico della narrativa, superando di gran lunga i ristretti confini del genere e della fantascienza. Il libro muove dalla descrizione dell’agiata esistenza londinese di John Custance e famiglia. Ingegnere, John predilige i comfort della grande città, e tuttavia non disdegna di trascorrere lunghi soggiorni nella valle del Westmorland, dove suo fratello David sovrintende con cura alla sua fattoria. La campagna è, del resto, il luogo d’origine dei Custance, oltre che il mondo per eccellenza della “Englishness”: un universo flemmatico, rispettabile, idilliaco, fatto di “campi fertili, cittadine tranquille e borghesi pasciuti, di cassette delle lettere, birre, partite di cricket, tè del pomeriggio e correttezza”. Un mondo che non batte ciglio dinanzi alle prime allarmanti notizie che giungono dall’Estremo Oriente. Un virus del riso altamente contagioso – chiamato Chung-Li – si sta diffondendo a macchia d’olio nella Cina comunista, distruggendo coltivazioni, causando carestia e tumulti e mettendo a repentaglio la vita di milioni di persone. La flemma e la correttezza inglesi si sciolgono, tuttavia, come neve al sole quando, alla quinta mutazione, il Chung-Li si mostra in grado di danneggiare ogni tipo di pianta appartenente alla famiglia delle graminacee, compresi grano, orzo, avena e segale, e dilaga ovunque in Europa, fino ad attraversare l’Atlantico e giungere in America….


Febbraio 2020 – Space invaders
Un libro che tratti terrestri su un altro pianeta

Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Libro consigliato: Solaris – Stanislaw Lem, 1961
Solaris è un pianeta di un altro sistema solare, oggetto di studio da parte degli scienziati terrestri fin dalla sua scoperta, cento anni prima della nascita del protagonista Kris Kelvin. La sua superficie è prevalentemente ricoperta da ciò che appare come un oceano dalla consistenza gelatinosa, secondo alcuni studiosi un unico e gigantesco essere senziente in grado di condizionare persino il movimento del pianeta, che orbitando attorno a un sistema stellare binario dovrebbe essere irregolare e pertanto non adatto allo sviluppo della vita.
Alcuni ricercatori ritengono che Solaris sia in grado di pensare, nonostante la totale impossibilità di individuare un qualunque schema di comunicazione nelle sue manifestazioni materiali. Lo scopo delle diverse missioni è sia di stabilire un contatto con il pianeta, sia di comprendere la sua vera natura.

Solaris è un bellissimo esempio di “fantascienza filosofica”, un viaggio nello spazio, si, ma anche nella mente dell’uomo e di ciò che può generare.

Purtroppo non ho mai scritto la recensione si questo libro, ma l’ho trovato splendido e pieno di umanità.


Sostieni il blog!
Acquista su:
Amazon

Cosa leggerò: In the Moon (o I primi uomini sulla luna) – H.G. Wells, 1901
L’uomo è mai stato sulla luna? Con maggiore fantasia e molto prima dell’allunaggio americano, il grande scrittore di fantascienza H.G. Wells aveva immaginato una luna abitata e alquanto trafficata. Così la trovano lo squattrinato uomo d’affari Bedford e il signor Cavor, un eccentrico inventore, i primi a riuscire nell’incredibile impresa di raggiungere il satellite terrestre. Un satellite la cui atmosfera congela durante la notte per tornare allo stato gassosodi giorno, dove la crescita delle piante è rapidissima, ma soprattutto abitato dai Seleniti, strani esseri senzienti che vivono nel sottosuolo. E proprio l’incontro con gli abitanti lunari dà vita a un seguito di equivoci, incomprensioni, scontri e inseguimenti…


Qui si conclude la serie di consigli per i primi sei mesi di challenge! Spero che in qualche modo siano utili e tornerò più avanti per la seconda serie di consigli! Nel frattempo, come sempre, buona lettura!

Potrebbe interessarti anche


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *